BAM

BAM è la forma attuale di una tradizione lontana. È cominciato tutto con l’ostinata convinzione che fare a mano significhi fare meglio. Che un artigiano possa dirsi tale se impara dal mondo, dai libri che legge, dalle persone che ascolta. Che un designer debba riflettere con il martello in mano, conoscere il peso dell’incudine e il caldo torrido della fornace. Che si impari facendo e che niente sia irrinunciabile, né la matita né la forgia. BAM è il nome di questa certezza, di questa destinazione, dell’istante a metà fra il sogno e il progetto. BAM – Bottega Artigiana Metalli, è fatta da designer che si sporcano le mani e da artigiani che le mani le fanno pensare. È un progetto innovativo di artigianato contemporaneo che sfugge a definizioni standard tipicamente riferite al settore dell’arte, dell’artigianato e del design. Incontro tra l’armonia delle forme e la decisione concettuale, gli oggetti BAM sono voci del passato che arrivano nel presente per scuotere l’anima di chi li osserva. Ogni oggetto è da toccare, guardare e sentire: racconta una storia. Costantemente alla ricerca di contaminazioni, interazioni, intrecci: la nostra produzione, tradizionalmente legata ai metalli, si declina nell’incontro con altri materiali. Si apre al dialogo con competenze artigiane, progettisti e interpreti dell’arte del territorio. BAM, suono del martello sull’incudine, è fondata da Tonino Bruno, artigiano di terza generazione, con i fogli Vittorio e Andrea, laureati rispettivamente al Politecnico di Milano e all’Accademia di Belle Arti di Brera. Il fortunato insieme di competenze, abilità e esperienze di famiglia, sono elementi costanti del percorso artigianale iniziato nel 1890, che oggi si fa dinamico e innovativo nella visione di un nuovo artigianato sardo.

Allestimento palchi per le location del Giardino comunale, Sant’Antiocru e Mesu  Bidda