Spettacoli e Cinema 2014

SPETTACOLI

VENERDÌ 4 LUGLIO 2014

DIDÒVA – SCUOLA ELEMENTARE

ore 16:30

QUESTA ZEBRA NON È UN ASINO

Spettacolo di e con Giorgio Scaramuzzino

Un omaggio alla convenzione onu sui diritti dell’infanzia e della adolescenza. Tratto dal libro Un asino a strisce (Adriano Salani editore 2013). Il monologo, partendo da un fatto realmente accaduto, narra la storia di un ragazzo che vive in una zona di guerra. Racconta di come migliaia di giovani siano costretti a sopravvivere in terre ormai devastate e senza futuro, dove mancano scuole, cibo e acqua potabile.

In una realtà così cruda Talal, il protagonista, nei rari momenti di pace, incontra un’amica speciale: una zebra che vive in un piccolo zoo. Il vecchio guardiano, testimone di questa amicizia cerca di alimentarla, nonostante la guerra. Questa storia è un’occasione per riflettere sulla Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza del 1989 e su quello che ancora resta da fare per proteggere e tutelare i protagonisti del nostro futuro.

ore 21:30

A FILO DEL CIELO

Spettacolo di e con Jorge Luján

accompagnato da Teresa Porcella (voce e traduzioni)

Gianfranco Antuono (percussioni ed effetti)

Canzoni, video e immagini per piccoli e grandi in volo. Jorge Luján sa bene che cosa significa immaginare e far immaginare.

In questo spettacolo, dà una prova magistrale, portando gli spettatori dalla terra al cielo e dal cielo alla terra, con più viaggi che sanno mettere insieme ironia, perspicacia e capacità di accettare le contraddizioni. È grazie a questa capacità di giocare con l’insolubile che Jorge può parlare a piccoli e grandi con la stessa forza e la stessa intensità. Parole, musica e video, abiteranno gli occhi e il cuore di chi vorrà ascoltare, così come abitano i libri di Jorge, dove hanno già trovato una prima bellissima casa.

SABATO 5 LUGLIO 2014

DIDÒVA – SCUOLA ELEMENTARE

ore 21:30

ALFABETOINQUIETO

Caratteri liberamente danzano

Corto in Stop motion

a cura di Santo Pappalardo

in collaborazione con Roberta Balestrucci

e la III Elementare di Gavoi

Le lettere dell’alfabeto, esplorate dallo sguardo geniale dei bambini di Gavoi, non sono più i segni e i suoni comunemente conosciuti, ma figure fantastiche che si animano in tanti piccoli divertenti e surreali componimenti poetici. Da un’ideaTeresa Porcella.

DOMENICA 6 LUGLIO 2014

DIDÒVA – SCUOLA ELEMENTARE

ore 18:00

CALCIO

Gioco-spettacolo per gli
amanti del calcio

Con Carlo Carzan

e autori del festival a sorpresa

OMAGGI

Come da tradizione ogni incontro è preceduto da un omaggio che il Festival rende a personaggi importanti del mondo della cultura, con letture quest’anno di William Shakespeare, Wisława Szymborska
e Gabriel García Márquez.

VENERDÌ 4 LUGLIO

omaggio a WILLIAM SHAKESPEARE

Legge
Mariano Cirina

SABATO 5 LUGLIO

omaggio a WISŁAWA SZYMBORSKA

Legge
Giorgia Senesi

DOMENICA 6 LUGLIO

omaggio a GABRIEL GARCÍA MÁRQUEZ

Legge Marco Spiga

SPAZIO CINEMA

SALONE PARROCCHIALE – PIAZZA SAN GAVINO

SABATO 5 LUGLIO

ore 11:00

La vita a volte è sopportabile. Ritratto ironico di Wisława Szymborska

54’ – Polonia/GB 2013

Regia di
Katarzyna Kolenda-Zaleska

Produzione ©2009, TVN S.A., Varsavia

©2013, Edizioni Casagrande, Bellinzona www.edizionicasagrande.com

Se i versi di Wisława Szymborska sono ben noti, l’autrice stessa, per sua natura schiva e ritrosa, lo è assai meno. La regista Katarzyna Kolenda-Zaleska ha saputo però conquistarne la fiducia e l’ha seguita in un viaggio in Europa che combina situazioni quotidiane, interviste e incontri con personalità come Woody Allen, Umberto Eco, Václav Havel e l’etologa Jane Goodall. Lo spettatore scopre così la predilezione di Szymborska per gli scherzi e le battute, la passione per il bricolage e le filastrocche, il debole per Vermeer e per il caffè italiano…

Presentano il documentario

la regista
Katarzyna Kolenda-Zaleska
e
Michał Rusinek
presidente della
Fondazione Szymborska

Conduce
Paweł Stasikowski
direttore dell’Istituto Polacco di Roma

Segue la proiezione

ore 12:00 – ore 15:30 – ore 16:30

VENERDÌ 4 LUGLIO

CINEMA RAGAZZI

CORTI D’AUTORE INDIPENDENTI DA TUTTO IL MONDO

A Cura di
Skepto international film festival

PER RAGAZZI 8-13 ANNI E ADULTI DI TUTTE LE ETÀ

ore 16:30 – 18:00

AUSCHWITZ ON MY MIND

di
Assaf Machnes, 16’ – Israele

Roy, un teenager israeliano, parte per la Polonia in gita scolastica, visitando campi di concentramento e memoriali. Tuttavia il ricordo dell’Olocausto non è l’unico obiettivo del viaggio; a Roy infatti piace Vered, una sua compagna di classe. Combattuto tra l’ossessione della propria società con il passato e l’oosessione dei suoi amici per il sesso, Roy prova a guadagnarsi l’affetto di Vered generando una situazione costantemente in bilico continuamente dal tragico all’enterteinment.

IKA

di
Raam Reddy, 15’ – India

Ika ci parla di un ragazzo che vive nella Slum area a Bangalore e cerca di fare un film. Lui non possiede una videocamera: così costruisce una camera utilizzando una scatola di cartone e una lente di ingrandimento, attaccandoci con del nastro una videocassetta vergine. Inizia così a “girare” delle scene utilizzando i suoi amici a cui dice che “ogni cosa che vedono nella propria testa finirà registrata sul nastro”. Inizia così a cercare tra le piccole storie che avvengono nella sua comunità il pretesto per catturare storie di generi diversi.

SECCHI

di
Edo Natoli, 12’ – Italia

Secchi è la storia di Gianenzo. Nonostante i suoi 11 anni è alto solo 18 centimetri. È il primo per risultati negli scacchi, disegno, canto, solfeggio, aritmetico, piano e chimica. Egli condivide i primi posti con i suoi due nemici giurati. Lui, primo della clase già dal terzo anno deve fare i conti con due giganti al suo stesso livello: il magnetico Luigifausta e l’imperturbabile Pancraziomaria. Con gli esami finali che incombono nessuno dei tre contendenti sembra disposto a cedere di un millimetro. Chi riuscirà a primeggiare?

RIDATEMI IL MIO NOME

degli alunni del laboratorio di scrittura creativa

con la supervisione di
Antonio Musci, 8’ – Italia

Martina usa un nomignolo per “chiamare” Piera, che pretende di essere chiamata col suo vero nome. Il diritto al nome come primo riconoscimento dell’identità del bambino.

LA ROMPISCATOLE

di
Alessandro Lovecchio
e i ragazzi del
Video Lab, 18’ – Italia

Un curioso mistero aleggia sul Liceo Machiavelli: chi è stato ad avvelenare l’odiatissima Sofia Francioso? Lucia, una studentessa detective, cercherà di risolvere il caso raccogliendo indizi e interrogando i possibili sospettati.

L’ASCENSORE

Regia collettiva, 8’ – Italia

Rimasti chiusi nell’ascensore della scuola, i ragazzi del pomeridiano iniziano a raccontare le proprie paure. Quando i racconti iniziano ad incutere terrore, l’ascensore ripartirà, ma…

RABBIT AND DEER

di
Péter Vácz – 16’ – Ungheria

Rabbit e Deer vivono felici e spensierati finché la loro amicizia viene messa alla prova dalla nuova ossessione di Deer: trovare la formula per la terza dimensione. Dopo un’incidente imprevisto Deer si risveglia in un nuovo mondo, a lui sconosciuto. Separati dalla terza dimensione, i due personaggi dovranno trovare una soluzione per continuare a vivere insieme.

SOUNDS OF NATURE

di
Simon Weber – 8’ – Svizzera

Finn, un bambino di dieci anni, trascorre una giornata con i suoi genitori passeggiando attraverso il bosco. Tuttavia è attirato più dal suo Gameboy che dalla natura, irritando il padre perdendo tempo e restando indietro, e finisce per rimproverare il figlio che non apprezza lo splendido paesaggio. Frustrato e annoiato mentre Finn osserva l’acqua scura sente improvvisamente uno strano rumore che cattura la sua attenzione. Ansioso ma curioso, è pronto a scoprire ciò che nascondono gli i suoni misteriosi.